skip to Main Content
I Lavoratori Domestici – Le Badanti

I lavoratori domestici – le badanti

Sono lavoratori domestici tutti coloro che prestano il proprio servizio in seno all’ambito familiare. Tra questi possiamo ricomprendere badanti, colf, cuochi, bambinaie, autisti.

In questo articolo vogliamo soffermare la nostra attenzione sulla figura delle badanti.

Di cosa si occupa?

La badante si occupa dell’aiuto e del sostegno a persone non autosufficienti o parzialmente autosufficienti. In particolare il suo compito è quello di aiutarle nel soddisfare i propri bisogni primari e a svolgere le attività della vita quotidiana.
Inoltre la sua presenza è un importante conforto per la persona accudita.

Tra gli altri compiti e responsabilità possiamo elencare: pulizia della casa, preparazione dei pasti, fare la spesa, occuparsi della deambulazione della persona disabile, curarne l’igiene personale e avere cura della sua salute.

Il rapporto di lavoro

L’assistente familiare (badante) è una lavoratrice a tutti gli effetti, che va tenuta in regola e a cui vanno riconosciuti, oltre alla paga, i contributi mensili da versare all’Inps.

Questa tipologia di lavoro implica un profondo rapporto di fiducia tra il lavoratore e la persona di cui si ci prende cura.

Nella quasi totalità dei casi il luogo di lavoro è la residenza della persona disabile. Il contratto collettivo prevede la possibilità di instaurare un rapporto di lavoro che possa prevedere o meno la convivenza, quindi il vitto e l’alloggio.
In genere gli orari di lavoro variano a seconda delle esigenze dell’assistito, in primo piano, e del lavoratore, in secondo.

Le mansioni

Le mansioni principali di una badante sono:

  • Prestare assistenza alla persona da seguire (anziano, malato o disabile)
  • Preparare i pasti
  • Pulire e tenere in ordine la casa (rifare i letti, lavare i piatti, stirare…)
  • Curare l’igiene personale della persona assistita
  • Occuparsi della movimentazione e mobilizzazione della persona non autosufficiente
  • Tenere compagnia all’assistito e accompagnarlo nelle attività quotidiane
  • Monitorare lo stato di salute psicofisica generale della persona assistita

Costo della badante

Ecco le nuove tabelle di stipendio minimo per colf e badanti disposte con l’adeguamento Istat del CCNL lavoro domestico 2019:

  • Tabella A: Lavoratori conviventi – stipendio minimo mensile
Livello ALivello ASLivello BLivello BSLivello CLivello CSLivello DLivello DS
€ 636,20€ 751,88€ 809,71€ 867,55€ 925,40€ 983,22€ 1.156,72 (+ indennità €171,04€ 1.214,56 (+ indennità €171,04)
  • Tabella B: Lavoratori di cui Art. 15 – 2° Co. – stipendio minimo mensile
Livello BLivello BSLivello C
€ 578,37€ 607,29€ 670,89
  • Tabella C: Lavoratori non conviventi – stipendio minimo orario
Livello ALivello ASLivello BLivello BSLivello CLivello CSLivello DLivello DS
€ 4,62€ 5,45€ 5,78€ 6,13€ 6,47€ 6,82€ 7,87€ 8,21
  • Tabella D: Assistenza notturna – stipendio minimo mensile
.Livello BSLivello CSLivello DS
Autosufficienti€ 997,67
Non Autosufficienti€ 1.130,70€ 1.396,77
  • Tabella E: Presenza notturna – stipendio minimo mensile
Livello unico€ 668,01
  • Tabella F: Indennità – stipendio minimo giornaliero
Pranzo e/o colazione€ 1,96
Cena€ 1,96
Alloggio€ 1,69
Totale€ 5,61
  • Tabella G: Assistenza a persone non autosufficienti (con prestazioni limitate alle copertura dei giorni di riposo) – stipendio minimo orario
Livello ALivello ASLivello BLivello BSLivello CLivello CSLivello DLivello DS
.....€ 7,34.€ 8,85

Badanti e INPS Home Care Premium

Il bando Inps Home Care Premium prevede l’assunzione di assistenti familiari con tipologia di contratto almeno di Livello CS.
Non è indicato un numero minimo di ore, tuttavia per usufruire dell’intero contributo occorre che lo stipendio della badante non sia inferiore all’importo accordato dal bando.
Si specifica inoltre che contributi previdenziali e il trattamento di fine rapporto non sono ricompresi nella somma riconosciuta dall’Inps.

Condividi questo articolo: